LO STILE NON È MAI STATO COSÌ ACCESSIBILE

L’accessibilità è diventata un must have di stagione!

Da sempre al Santagostino lavoriamo per garantire prezzi accessibili, tutto l’anno, garantendo il miglior rapporto qualità-prezzo sulle lenti oftalmiche rispetto alla media del mercato milanese.

Abbiamo raccolto qualche consiglio per affrontare questo periodo mantenendo un occhio al portafoglio, ma senza perdere lo stile.

Le nostre montature

Calcola il prezzo del tuo occhiale completo

Trovare occhiali da vista economici non è un’operazione semplice, richiede attenzione nel valutare alcune caratteristiche cruciali per evitare di acquistare prodotti non idonei, se non addirittura dannosi, per la propria condizione.

Per prima cosa, è necessario farsi un’idea di quelli che sono i prezzi medi sul mercato. Dopodiché, bisogna fare un’attenta valutazione del rapporto qualità-prezzo, rivolgendosi preferibilmente a un ottico per le specifiche tecniche e a uno specialista per capire quale sia la soluzione migliore per i propri occhi, valutando gli eventuali difetti della vista o le patologie di cui si soffre.

Quanto costa un paio di occhiali da vista?

Il costo di un paio di occhiali da vista può variare notevolmente: il range più comune va da un minimo di 100 euro fino a circa 300 euro. La spesa tuttavia può aumentare, talvolta anche notevolmente. Gli aspetti che influenzano il prezzo sono diversi. I parametri da tenere in considerazione sono:

  • tipo di montatura; 
  • eventuali trattamenti antiriflesso, idrorepellenti, indurenti;
  • progressività delle lenti che può far aumentare il costo totale anche fino a 600 euro.

Un’altra specifica che fa lievitare il costo è il design: un design particolare può comportare un prezzo superiore a quello di occhiali con montature standard.
Bisogna poi considerare che in presenza di una prescrizione medica per gli occhiali da vista, è possibile detrarre la spesa. Al fine di ottenere la detrazione, è necessario produrre un attestato – rilasciato dall’ottico – che confermi la necessità dell’acquisto per far fronte ad una determinata patologia o condizione clinica.

L’importanza della visita oculistica

Non sempre un design particolare o una montatura di tendenza, che fanno aumentare il prezzo degli occhiali, sono garanzia di alta qualità, almeno in termini di utilità in relazione alla propria condizione clinica. In sostanza, quindi, non è detto che un paio di occhiali da 600 euro sia necessariamente migliore di un altro che ne costa 200.

Prima dell’acquisto, quindi, è molto importante confrontarsi con uno specialista o con un ottico al fine di scegliere gli occhiali migliori per quelle che sono le proprie esigenze e la salute del propri occhi.

Per gli under 16, la prescrizione per le lenti è obbligatoria, mentre è solo consigliata per i pazienti di età superiore ai 17 anni. Nel caso in cui la prescrizione sia stata rilasciata da più di un anno, è raccomandata una visita oculistica prima dell’appuntamento con l’ottico.

Nel mondo sono circa un miliardo le persone che soffrono di un disturbo della vista, che sia da vicino o da lontano.

Le patologie correlate agli occhi sono trasversali e riguardano soggetti di tutte le età. Di conseguenza, è molto comune oltre che decisamente consigliabile sentire il parere di un esperto, facendo una visita da un oculista o un optometrista che nella prescrizione indicheranno anche la gradazione più opportuna per le proprie lenti.

Le occasioni per fare prevenzione ed effettuare gli opportuni controlli non mancano. Ogni anno il 14 ottobre, ad esempio, si tiene la Giornata mondiale della vista, in occasione della quale vengono organizzati eventi e visite gratuite aperte a tutti.

Quali sono le caratteristiche da valutare?

Per prima cosa, ci sono tre caratteristiche che, se presenti, possono migliorare la qualità degli occhiali e il comfort di chi li indossa:

  • antiriflesso, una peculiarità delle lenti che migliora la visione dell’utente sia in termini di comfort che di nitidezza;
  • trattamento indurente, utile a garantire una maggiore resistenza delle lenti a eventuali graffi;
  • idrorepellenza, grazie alla quale le lenti possono essere pulite più facilmente e possono essere ridotti l’effetto imbrattamento e appannamento.

Un’altra caratteristica molto utile e funzionale è rappresentata dalle lenti fotocromatiche che possono essere trasparenti o più scure a seconda che ci si trovi rispettivamente in ambienti interni o in presenza di una luce molto forte. Grazie alle lenti fotocromatiche, l’occhio può abituarsi meglio alle differenze di illuminazione e risultare meno sensibile all’abbagliamento. Queste lenti sono in grado di tornare al loro stato originale una volta allontanate dalla luce.

Con le lenti progressive, invece, è possibile vedere in modo nitido sia da vicino sia da lontano, in quanto sono in grado di correggere simultaneamente più difetti visivi.

Infine, può essere utile avere occhiali dotati di filtri blu, ossia dispositivi che garantiscono una visione più nitida a chi per lavoro, ad esempio, deve trascorrere diverse ore davanti ad uno schermo. Le radiazioni della luce blu, tipiche delle sorgenti luminose artificiali, infatti, possono comportare affaticamento e irritazione degli occhi.